bagattini


[18° grammo]

Ho chiesto ad un amico: “sai cos’è un bagattino?” Mi risponde: “ma si, è un verme per la pesca“.  Ho detto bagattino non bigattino !

Per gli amici del nord forse la risposta è più facile. Io l’ho scoperto grazie al regalo che mi ha fatto fedafa (è un nick) durante una bella serata di giugno in cui sono state gettate le basi per la fondazione del Circolo Numismatico Romano-Laziale.

Fedafa viene con un vassoio per monete in floccato rosso e mi dice: “dai scegli anche tu una moneta”. Dopo vari giri della mano nella totale indecisione vado ad istinto e pesco questa bella moneta del XVII secolo: 12 bagattini Veneziani battuti dal doge Marcantonio Giustinian (1684-1688) .

12 Bagattini Venezia – Marcantonio Giustinian 1684-1688

Bagattino era un termine in uso nell’Italia settentrionale per significare di poco valore. E infatti mi ricorda le bagattelle, le povere cose.

Nel XIII secolo, quando la zecca della Serenissima iniziò a battere il denaro piccolo di Venezia (picciolo), una moneta in mistura con poco argento nelle vene, il popolo prese a chiamarlo bagattino, a contrasto con il grosso, altro nome popolare dato ai ducati di buon argento. Col tempo la svalutazione lasciò in vita solo i multipli; prima quello da 6 e poi solo quello da 12 bagattini, che equivaleva ad un soldo.

DRITTO: il doge riceve dal Leone di San Marco un asta con vessillo sormontato da una croce; in esergo la scritta 12 tra due stelle; in legenda il nome del doge S*M*V* M*A*IUSTIN

ROVESCIO: Il Redentore e l’iscrizione DEFENS * NOSTER

Insomma questa moneta in mistura ci ricorda la lunga storia della Repubblica di Venezia, detta la Serenissima, lo stato governato dai dogi, figure scelte solitamente tra uomini di cultura e di poca personalità, facilmente manovrabili e comunque non ostili ai consigli cittadini, come Marcantonio Giustinian.

Pensandoci bene, questo è proprio il periodo dei bagattini😉

Questa voce è stata pubblicata in Grammi e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a bagattini

  1. Stefania Bertelli ha detto:

    Trovo la storia delle monete appassionante (V. “Le avventure della lira” di C. M. Cipolla), perché intersecata con la storia della società. A Venezia nel 1204 fu coniato il ducato d’argento (Doge Enrico Dandolo, quello della IV crociata, per nulla con poca personalità!!!) e nel 1284 fu coniato il ducato d’oro (doge Giovanni Dandolo), quest’ultimo in ritardo su Genova (Genovino) e su Firenze (Fiorino). Un ritardo forse dovuto al fatto che la Serenissima voleva mantenere ancora buoni rapporti con Bisanzio, la cui moneta d’oro era in crisi.
    È interessante rilevare, che queste monete d’oro, nacquero per dare corpo alla lira (L’ antica libbra), che era rimasta nella memoria, tanto da costituire la moneta di conto.
    Le monete piccole, come i bagattini, servivano per le piccole transazioni, mentre quelle d’oro, per i commerci internazionali. La politica del governo fu sempre quella di tenere stabile il valore delle monete d’oro e semmai svalutare le altre.

  2. Daniele Riva ha detto:

    Non sono ferrato sulla numismatica dei secoli anteriori al XIX… ma sono appassionato di etimologie. “Bagattino”, come baiocco dovrebbe derivare dal latino “baca”, ovvero bacca e per estensione ogni piccola cosa rotonda, come le monete. Altri lo riferiscono al latino “baga”, fardello, da cui anche bagattella. Altri ancora ritengono derivi dall’illirico “bagasc”, che non significa quello che potrebbe sembrare🙂 bensì la quarta parte di una mistura. Off topic, il “bagatt” a Milano è il calzolaio… c’è anche una notissima catena di scarpe in franchising che porta questo nome.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...