Potere Liberatorio


[24° grammo]

No, non voglio parlarvi di un lassativo, e nemmeno di una forza misteriosa che scaturisce da riti esoterici; ma soltanto di una caratteristica poco nota delle monete e delle banconote.

La legge stabilisce che noi possiamo pagare ed estinguere i debiti con moneta in corso legale, moneta che i creditori sono obbligati ad accettare. Questo è il Potere Liberatorio.

Quando andiamo a comprare il pane, il fornaio non può rifiutare i nostri 2€, siano essi in una moneta da 2€, o in due monete da 1€, o in quattro monete da 50 Cent; è obbligato ad accettarli. Fin qui niente di particolare

Ma possiamo acquistare un MacBook Pro con 1.200 monete da 1€ ?

No, perché la legge conferisce alle monete un Potere Liberatorio Limitato. Questo significa che un venditore (o creditore) non è obbligato ad accettare più di un certo numero di monete (per le banconote invece il potere liberatorio è illimitato).

Nello specifico la Banca d’Italia ci dice che:

nessuno è obbligato ad accettare più di 50 monete metalliche in un singolo pagamento, a prescindere dal taglio. (leggi)

Quindi con le monete, al massimo possiamo pagare 100€ (50 x 2€) ed il creditore è obbligato ad accettarle

All’epoca delle lire la cosa era più complicata:

Mia nonna aveva una strana fissazione: si conservava i ventini, la monetina da 20 lire in bronzital con i rami di quercia. Ne trovammo sacchi pieni nascosti per casa. Erano gli anni ’70, e mia madre aveva paura di portarli in banca (non ricordo il perché); si accordò, quindi,  con i negozianti sotto casa: Sergetto il macellaio, Venanzio il pizzicagnolo, il bar di Dino ed il vini e oli del sor Ugo. Non so se, ne come considerassero il potere liberatorio, visto che per i ventini era pari a 1.000 lire. Ricordo solo che alla fine tutti questi ventini contribuirono all’acquisto del frigorifero nuovo.

Questa voce è stata pubblicata in Grammi e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Potere Liberatorio

  1. grammidistoria ha detto:

    grazie Mirco🙂

  2. Mirco ha detto:

    ciao ti seguo sempre con molta attenzione…
    complimenti per i tuoi articoli! comunque vorrei sapere una cosa: non è possibile condividere i tuoi interventi su facebook?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...