le monete dei sommersi


[39° grammo]

Al mio ritorno da Auschwitz mi sono trovato in tasca una curiosa moneta in lega leggera, che conservo tuttora. È graffiata e corrosa; reca su una faccia la stella ebraica (lo «Scudo di Davide»), la data 1943 e la parola getto, che alla tedesca si legge ghetto; sull’altra faccia, le scritte QUITTUNG UBER 10 MARK e DER ALTESTE DER JUDEN IN LITZMANNSTADT, e cioè rispettivamente Quietanza su 10 marchi e Il decano degli ebrei in Litzmannstadt: era insomma una moneta interna di un ghetto. Per molti anni ne ho dimenticato l’esistenza, poi, verso il 1974 ho potuto ricostruirne lastoria, che è affascinante e sinistra.

Il brano è tratto da I sommersi e i salvati di Primo Levi.

10 Mark – Ghetto di Lodz

Queste monete, e la relative banconote appositamente stampate per i sommersi erano le uniche loro concesse nel ghetto, e potevano essere spese solo lì.

La monetazione per i sommersi infatti, non era convertibile in altra vera moneta e aveva anche lo scopo fungere da arma psicologica perchè:

  1. rendeva ancor più difficoltosa l’idea della fuga senza denaro spendibile
  2. umiliava i sommersi rendendoli ancor più isolati dal resto del mondo

le monete dei sommersi

Questa voce è stata pubblicata in Grammi e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...