1944 le monete della liberazione

[76° grammo]

Nel 2014 ricorrono alcuni importanti anniversari tra cui i 100 anni dall’inizio della Prima Guerra Mondiale. Questo grammo è però dedicato ai 70 anni dal 1944:

l’anno del D-Day sulle spiagge della Normandia;

e l’anno della liberazione della Francia e del Belgio

Nel corso delle due Guerre Mondiali la storia della Francia e del Belgio furono inevitabilmente legate: la Francia in quanto nemico principale dei Tedeschi ed il Belgio in quanto paese di mezzo tra i due contendenti. Il Belgio era visto dalla Francia come stato cuscinetto a tampone dei Tedeschi mentre per la Germania il Belgio era un passaggio facilitato per aggirare le fortificazioni nei poste dai francesi lungo confini naturali franco-tedeschi. Attaccare ed invadere la Francia per i Tedeschi significava attaccare ed invadere il Belgio.

Nella Prima Guerra Mondiale i Tedeschi passarono da Nord, dalla Fiandre, mentre nella Seconda Guerra Mondiale, spiazzando i generali alleati, le divisioni corazzate dei Nazisti passarono diritte per i boschi delle Ardenne ritenuti inadeguati ai movimenti dei Panzer, e quindi non incontrarono quasi nessuna resistenza.

Belgi e Francesi subirono l’occupazione nazista nel 194o e dovettero attendere quattro anni per recuperare la libertà. I Francesi però subirono anche la vergogna della Francia di Vichy, il governo collaborazionista guidato dal maresciallo Petain che s’instaurò nel centro-sud della Francia e che agiva agli ordini del Terzo Reich.  La moneta sotto, emessa da quel governo, ne è la testimonianza con tutto il suo portato simbolico: l’ascia bipenne al dritto e sul rovescio il motto Patria-Famiglia-Lavoro a sostituire Libertè-Egalitè-Fraternitè.

FRANCIA-2FR1943

2 FR Francia di Vichy 1943 (collezione privata)

Il 6 giugno del 1944 arriva il D-DAY, le truppe alleate sbarcano in Normandia e cominciano a penetrare in Francia che sarà liberata nel luglio del 1944.

Gli americani fecero coniare dalla loro zecca di Philadelfia questa moneta (sotto), da far circolare nella Francia liberata e controllata dalle forze alleate; sul dritto la sola scritta FRANCE e il motto repubblicano che ritorna sul rovescio

2 Franchi 1944 - Forze Alleate

2 Franchi 1944 – Forze Alleate

La zecca di Philadelfia coniò anche una moneta da 2 Franchi per il Belgio, che fu liberato nel settembre del 1944 dalle truppe Anglo-Canadesi

BELGIO2FR1944

2 FR Belgio 1944 – Forze Alleate

Francia e Belgio, legate nell’occupazione e nella liberazione dal Nazismo, le uniche nazioni ad avere monete metalliche emesse dalle Forze Alleate circolanti nei rispettivi territori.

 Leggi anche D-Day, la storia scorre sulle monete

Pubblicato in Grammi, Uncategorized | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

la storia in 20 Centesimi

[75° grammo]

Una delle cose più interessanti ed affascinanti che si possono fare con delle monete, a mio parere, è la lettura della Storia per confronto (guarda nella categoria Confronti). Basta metterne in fila anche solo un paio, coniate in una sequenza temporale ristretta e confrontarne il messaggio di comunicazione, le fattezze, i segni, i metalli utilizzati. Dal confronto si posso capire tante cose, l’avvicendarsi degli eventi storici, il cambiamento, le crisi o i boom.

Questa volta vi propongo il confronto tra due 20 centesimi del periodo Vittorio Emanuele III: 1) 20 cent Libertà librata; 2) 20 cent. Esagono

ITA20c1318

collezione privata

20 centesimi Libertà librata

Il rovescio mostra una donna, allegoria della Libertà, che si libra nell’aria con una fiaccola in mano. La moneta è in nichelio 975, metallo argenteo molto apprezzato, ed è stata emessa a partire dal 1908. L’immagine richiama la belle epoque l’epoca bella, intesa come quella della libertà e del benessere, l’epoca bella perché precede quella della guerra: la Grande Guerra. Proprio durante il periodo della prima Guerra Mondiale la coniazione di questa moneta venne sospesa, perché il costoso nichelio 975 era utilizzato anche per fini bellici. ovviamente prioritari.

20 centesimi Esagono (monete di emergenza)

Emessi dal 1918 al 1920; l’Esagono sostituisce la Libertà librata. Perché? Un motivo è quello che ho scritto sopra: il nichelio serviva per ragioni belliche e i “Libertà librata” non potevano essere emessi. Però c’era un problema: buona parte degli spiccioli erano scomparsi dalla circolazione a causa degli speculatori che ne avevano fatto incetta e bisognava metterne altri in circolazione. Come fare tenendo conto della carenza di metallo? Servivano delle monete di emergenza

Si pensò di riutilizzare i vecchi 20 centesimi di Umberto I, emessi dal 1894 al 1895. Questi vecchi nichelini erano stati coniati con una lega di rame 750 e nichelio 250 e nei magazzini della zecca ne giaceva una enorme quantità, dopo che vennero ritirati dalla circolazione a partire dal 1909.

20cent Umberto I

Quindi i nichelini di Umberto I furono riutilizzati e riconiati battendoci sopra la nuova impronta dei 20 cent Esagono. Un esempio di riuso, come diremmo oggi, che in numismatica non era una novità.

I cent. Esagono sono quindi una moneta di emergenza e se confrontati con i cent Libertà librata si nota come siano più poveri sia dal punto di vista artistico sia da quello dei materiali. A vista si capisce che l’Esagono ha fatto la guerra !

Leggi gli altri Confronti

Pubblicato in Confronti, Grammi | Contrassegnato , , , | 2 commenti

il TG degli antichi

[74° grammo]

Questo Bagoas ha convinto i nobili a offrire la corona ad Arses, figlio del defunto Artaserse e di una delle sue spose, Atossa. Eccolo qua – disse togliendosi dalla tasca una moneta e passandola a Filippo sul tavolo . – È fresca di conio.

Il re osservò il profilo del nuovo imperatore, caratterizzato da un enorme naso a becco di rapace…

In questo passo di Alexandros, Valerio Massimo Manfredi ci fa rivivere una delle principali funzioni della moneta in antichità: quella di fungere da mezzo di comunicazione.

Guardando una moneta si poteva sapere, ad esempio  che c’era un nuovo regnante, e si poteva vedere anche la sua faccia, semplicemente guardando il dritto della moneta. Insomma come un TeleGiornale: “Signore e Signori buonasera, come potete vedere da questa immagine da oggi c’è un novo Re “

L’immagine sotto non mostra la moneta citata ma un Darico, la moneta d’oro Persiana dell’Impero Achemenide, databile circa 485 – 330 a.C

Daric

(15,8 mm, 8,36 g.D/ Re persiano o eroe a destra in posizione inginocchiata tenente una lancia con la mano destra e l’arco con la sinistra. R/ punzone incuso)

Leggi anche

Il primo Teleschermo della Storia

Pubblicato in Citazioni, Grammi | Contrassegnato , , | Lascia un commento

La Lira del Lavoro

[73° grammo]

C’è una moneta della Repubblica Italiana, dell’era della lira, formalmente dedicata al tema del lavoro.

Sono le 200 lire in bronzital, serie lavoro (appunto) emesse a partire dal 1977. Sul retro, infatti,  è coniato “ingranaggio dentato simboleggiante il lavoro”, come recita il decreto di emissione.

ITA200L1977

collezione privata

Per la prima volta in una moneta della Repubblica Italiana, i classici simboli dell’era agricola lasciano il posto ad un simbolo dell’era industriale. Le nostre istituzioni, così come la politica italiana, sono sempre in estremo ritardo rispetto alla società.

L’unica altra moneta con un’immagine che richiami al lavoro risale agli inizi della Repubblica, nel 1946; sono le 2 Lire in italma della serie spiga dove sul dritto è coniata l’immagine di un agricoltore che spinge l’aratro

ITA2L1948

collezione privata

Pubblicato in Confronti, Grammi | Contrassegnato , , | Lascia un commento

In Canada non avranno più un penny

[72° grammo]

Oggi in Canada finisce l’era del penny

Il penny è il nome con cui nei paesi di lingua inglese comunemente viene chiamata la moneta da un centesimo. L’epoca del penny canadese era cominciata nel 1858 sotto la regina Vittoria, quando il primo penny canadese e le altre monete erano ancora battute dalla zecca reale Inglese

canada-1858-1cent

Dopo mezzo secolo, nel 1908, con la costituzione della zecca reale canadese, venne battuto il primo penny nella terra dei grandi laghi, sotto il regno di Edoardo VII.

1cent-1908 Canada

Dopo 155 anni, quando ancora regna Elisabetta II, la zecca reale canadese ha comunicato che dal 4 febbraio 2013 non produrrà più la moneta da un centesimo. L’ultimo penny è quello che vedete qui sotto. Partirà la fase di ritiro dalla circolazione ed i pagamenti in contanti dovranno essere arrotondati (quelli elettronici no).

Penny 2012 Canada

Perché questa decisione? Semplice:

  1. produrre un penny costa più di un penny;
  2. le monete da un cent non servono praticamente più, nemmeno per il pagamento dei beni di piccolo costo. Accade quindi che vengano accumulate, anzi accantonate; e di fatto sprecate.

Non so voi, ma io ho un cassetto pieno di monete da 1 e 2 centesimi di euro; sarebbe il caso che anche l’Europa seguisse l’esempio del Canada.

fonte: http://www.mint.ca/store/mint/learn/phasing-out-the-penny-6900002#.UQ-QCXCQtJJ

Pubblicato in Grammi, Uncategorized | Contrassegnato , | 1 commento

fisica quantistica spiegata con due monete

[71° grammo]

Nel mondo dell’infinitamente piccolo dove vigono le regole della fisica quantistica, le particelle subatomiche hanno delle caratteristiche molto peculiari. Tra queste quella delle spin mi è particolarmente simpatica anche perché qualcuno ha avuto la geniale idea di spiegarla usando le monete.

Lo spin è una sorta di rotazione che posseggono le particelle subatomiche. Se io sono fermo in piedi e faccio una giro completo intorno a me stesso, compio una rotazione di 360° ossia uno spin=1. Per noi umani una rotazione spin=1 ci riporta nella posizione di partenza ed il mondo ci appare di nuovo come lo abbiamo lasciato prima della rotazione.

Ma per particelle come l’elettrone non è così; per tornare alla sua configurazione iniziale e rivedere il mondo com’era,  l’elettrone deve fare 2 giri, ossia 720° (in quanto il suo spin = 1/2). Per lui una rotazione completa equivale a 2 giri. Noi umani non distinguiamo una rotazione dalla successiva, l’elettrone si. Ma come si può spiegare in modo semplice questo fenomeno dello spin, della doppia rotazione che riporta al punto di partenza? Semplicemente usando due monete come ad esempio un quarto di dollaro. Una la teniamo ferma al centro che mostra il dritto e l’altra che mostra il rovescio, la facciamo ruotare intorno alla circonferenza della prima.

quarter-rotate-animated

Se osservate l’animazione vedrete che l’aquila sul quarto di dollaro compie due rotazioni per ritornare alla sua posizione di partenza: spin=2. Mi viene da pensare che noi percepiamo solo la metà del mondo che percepisce un elettrone; mah

Per la cronaca: ci sono particelle che hanno spin intero (1 o 2) e semi-intero come 1/2 o 3/2, così, tanto per renderci la vita più briosa

fonte: http://arstechnica.com/science/2013/01/double-time-reversal-asymmetry-could-explain-weird-material-behavior/

PS ho aggiornato il post a seguito della correzione del lettore gluone che ringrazio 🙂

Pubblicato in Grammi, Scienza | Contrassegnato , , , | 2 commenti

Gettoni Misteriosi

[70° grammo]

dettaglioJeton1656C’è una strana figura che appare in vari gettoni coniati in francia nella metà del XVII secolo.

È quella che vedete qui a sinistra; di solito è posta in alto in una parte di “cielo” dell’immagine; a voi cosa sembra?

In quanti avete pronunciato o pensato alla parola UFO? Beh se lo avete fatto sappiate che non siete assolutamente soli; troverete molti blog italiani e stranieri in cui si fa questa associazione. Certo, la figura è strana, la forma circolare aiuta, i segmenti disposti a raggiera fanno pensare alla rotazione, e poi è posta nel cielo.

Il gettone in questione è in rame, coniato come riportato in esergo, nel 1656.

Jeton1656

Sul dritto (/d) del gettone c’è una corona con i blasoni di Francia e Navarra.

Sul rovescio (/r) la nostra immagine misteriosa che appare tra le nubi sopra un paesaggio rurale; nel giro possiamo leggere la legenda: OPPORTVNVS ADEST che in latino (lingua che non frequento) dovrebbe significare presente al momento opportuno o propizio. Chi volesse darmi una versione più corretta od altra interpretazione è il benvenuto.

Questa frase latina OPPORTVNVS ADEST è presente nella legenda di altri gettoni simili di quel periodo:

Opportunus_Adest_jeton

Inizialmente i gettoni venivano utilizzati nei tavoli da calcolo (vedi sotto); poi i ricchi borghesi ed i nobili li utilizzarono in forma personalizzata come oggetti da regalo e per celebrare il nuovo anno. Quindi, la frase propiziatoria sembrerebbe adeguata allo scopo: quello di portar fortuna.  Può darsi; ma l’immagine misteriosa? È un UFO? Richiama a qualcosa di extraterrestre o di sovrannaturale?

E se fosse semplicemente la rappresentazione di uno scudo? In questa terracotta conservata al British Museum è raffigurata Atena mentre aiuta Argo nel costruire una nave. In basso a sinistra c’è lo scudo di Atena, il resistentissimo dono di Zeus, in grado di resistere appunto a qualsiasi arma. Non vi pare che assomigli molto alla nostra immagine misteriosa?

 © Marie-Lan Nguyen / Wikimedia Commons

© Marie-Lan Nguyen / Wikimedia Commons

Non un UFO, ma uno scudo come simbolo di protezione; rappresentato in quei gettoni proprio a significare un augurio di essere protetti nel momento del bisogno.

Non vi pare che regga come ipotesi?

Altri articoli sul tema:

Gettoni da Calcolo

Monete da Casino

Pubblicato in Grammi | Contrassegnato , , , | 1 commento